GrNet.it - informazione Sicurezza e Difesa

Lun22052017

Ultimo aggiornamento05:27:41

Forum bar

Forum

Logo-Carabinieri Carabinieri Polizia Finanza Penitenziaria
Esercito Marina Aeronautica Guardia Costiera
Back SICUREZZA FORZE DELL'ORDINE Polizia Peninteziaria Carceri, Ministro Orlando: «Suicidi diminuiti». Il Sappe denuncia: «Quattro in pochi giorni»

Carceri, Ministro Orlando: «Suicidi diminuiti». Il Sappe denuncia: «Quattro in pochi giorni»

  • PDF
Ministro_Giustizia_OrlandoRoma, 1 mar - «Quattro detenuti suicidi tra le sbarre di altrettanti detenuti in una settimana sono il segno tangibile di come i problemi sociali e umani permangono nelle carceri del Paese, nonostante l’attenzione e la vigilanza del personale di Polizia Penitenziaria, spesso lasciato solo a gestire queste situazioni di emergenza».

A scriverlo in una nota, questa mattina, era stato Donato Capece, segretario generale del SAPPE (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria), denunciando (insieme a Lillo Navarra, segretario nazionale per la Sicilia del SAPPE) il suicidio di un detenuto egiziano di 30 anni avvenuto durante la notte nella Casa Circondariale di Caltanissetta. «Il quarto in pochi giorni in un carcere italiano dopo le morti suicide nei tre penitenziari di Napoli Poggioreale, Bologna e Regina Coeli a Roma».

«Gli istituti penitenziari hanno l’obbligo di preservare la salute e la sicurezza dei detenuti, e l’Italia è certamente all’avanguardia per quanto concerne la normativa finalizzata a prevenire questi gravi eventi critici - aveva spiegato nella nota Donato Capece -. Ma il suicidio di un detenuto rappresenta un forte agente stressogeno per il personale di polizia e per gli altri detenuti. Per queste ragioni un programma di prevenzione del suicidio e l’organizzazione di un servizio d’intervento efficace sono misure utili non solo per i detenuti ma anche per l’intero istituto dove questi vengono implementati. È proprio in questo contesto che viene affrontato il problema della prevenzione del suicidio nel nostro Paese. Ma ciò non impedisce, purtroppo, che vi siano ristretti che scelgano liberamente di togliersi la vita durante la detenzione».

I dati forniti dal sindacato parlano, per il 2016, di 39 detenuti che si sono tolti la vita, di 1.011 tentati suicidi e di 8.586 atti di autolesionismo.

Una situazione grave che è stata affrontata poche ore fa da Andrea Orlando, Ministro della Giustizia, nel corso del question time.

«Nelle carceri italiane vi sono stati 43 casi di suicidio nel 2014, 39 nel 2015, 39 nel 2016 e 10 sino al 28 febbraio 2017 - ha detto Orlando -. Nell'ultimo triennio, grazie al miglioramento della situazione nei nostri penitenziari, il numero dei suicidi si è ridotto in maniera significativa. Tra il 2009 e il 2012 infatti il numero di casi è stato sempre superiore a 55, con un picco di 63 nel 2011».

«L'Italia - ha spiegato - nella comparazione con gli altri grandi Paesi europei realizzata dal consiglio d'Europa, registra uno dei tassi più bassi di casi di suicidio. Nell'ultima rilevazione comparativa del 2013, si registra un tasso di 6,5 su 10.000 in Italia, 12,4 in Francia, 7,4 in Germania, 8,9 nel Regno Unito. Da allora la situazione è lievemente migliorata, ma non ci potremmo mai accontentare finché questi fenomeni non scompariranno».

«Alla luce delle analisi e delle riflessioni degli Stati Generali dell'esecuzione della pena, il 3 maggio 2016 ho adottato una specifica e innovativa ''Direttiva sulla prevenzione dei suicidi'' indirizzata al Capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, prescrivendo la predisposizione di un organico piano d'intervento per la prevenzione del rischio di suicidio delle persone detenute o internate, il puntuale monitoraggio delle iniziative assunte per darvi attuazione e la raccolta e la pubblicazione dei dati sul fenomeno. Ho inoltre convocato - ha detto il Guardasigilli - per il 3 marzo una riunione con tutti i Provveditori Regionali dell'Amministrazione penitenziaria per acquisire un dettagliato quadro informativo dell'attuazione della Direttiva».

«Lo scorso 27 febbraio, in ragione di quanto accaduto nel carcere di Regina Coeli, ho chiesto l'immediata attivazione di accertamenti ispettivi, per verificare la compiuta attuazione della ''Direttiva suicidi''. Sono già in corso anche accertamenti amministrativi sui casi di Bologna e di Napoli», ha concluso Orlando.(AdnKronos)


News aggiornate

occhi
Occhi puntati sulla notizia

Top Web Site

soldato-computer
Sito web di riferimento per il comparto

Forum

professionisti
Professionisti a tua disposizione gratis

Smartphone

smartphone
Portale ottimizzato per gli smartphone
Per le pagine di menu: