GrNet.it - informazione Sicurezza e Difesa

Ven31032017

Ultimo aggiornamento04:17:03

Forum bar

Forum

Logo-Carabinieri Carabinieri Polizia Finanza Penitenziaria
Esercito Marina Aeronautica Guardia Costiera
Back SICUREZZA FORZE DELL'ORDINE Polizia Peninteziaria Carceri: a Napoli detenuti ammessi a lavorare alla Camera di Commercio, vanno invece al bar e nei centri scommesse

Carceri: a Napoli detenuti ammessi a lavorare alla Camera di Commercio, vanno invece al bar e nei centri scommesse

  • PDF
polizia-penitenziaria-carcereSappe: «Alla Polizia Penitenziaria il controllo dell’esecuzione penale esterna». Napoli, 7 nov - Brillante operazione di polizia giudiziaria del Reparto di Polizia Penitenziaria di Carinola, che ha accertato gravi violazioni a carico di otto detenuti del carcere ammessi al lavoro all’esterno presso gli Uffici della Camera di Commercio di Napoli. Ne da notizia il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE.

Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del SAPPE: «E’ stata una brillante operazione che ha permesso di accertare come gli otto detenuti del carcere di Carinola, anziché lavorare negli Uffici della Camera di Commercio di Napoli, si allontanavano dal posto di lavoro, avevano contatti con familiari e persone non autorizzate, si soffermavano in Centri scommesse: insomma, facevano tutto meno che lavorare. Altro che detenuti modello: gli otto anche violato e violavano, con il loro comportamento, le prescrizioni previste per essere ammessi al lavoro all’esterno, regolamentato dall’articolo 21 dell’Ordinamento penitenziario, proposto dal direttore dell’istituto ed approvato dal Magistrato di sorveglianza».

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, evidenzia che gli otto detenuti perseguivano nell’indole delinquenziale anche a bordo del pullman che quotidianamente li trasportava dal carcere di Carinola a Napoli, negli uffici della Camera di Commercio: «Gli otto sono stati infatti trovati in possesso di sette telefoni cellulari e, grazie anche all’ausilio delle Unità Cinofile della Polizia Penitenziaria di stanza a Benevento, anche di droga. Il controllo di questi detenuti di Carinola in articolo 21 non è demandato a noi ma questo grave fatto dimostra come invece dovrebbe essere demandato ai Baschi Azzurri appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria tutto il controllo dell’esecuzione penale esterna. Per farlo, bisogna assolutamente dotare la Polizia Penitenziaria delle risorse finanziarie, materiali e umane (mancano in organico 8mila Agenti) che servono, perché non si può pensare di economizzare o tagliare risorse agli apparati che garantiscono quotidianamente la sicurezza sociale come il Corpo di Polizia Penitenziaria».

Gli otto detenuti ristretti nel carcere di Carinola sono stati denunciati all'Autorità giudiziaria, sono stati sospesi dal beneficio e sottoposti a procedimento disciplinare.


News aggiornate

occhi
Occhi puntati sulla notizia

Top Web Site

soldato-computer
Sito web di riferimento per il comparto

Forum

professionisti
Professionisti a tua disposizione gratis

Smartphone

smartphone
Portale ottimizzato per gli smartphone
Per le pagine di menu: