GrNet.it - informazione Sicurezza e Difesa

Gio29062017

Ultimo aggiornamento08:40:47

Back SICUREZZA FORZE DELL'ORDINE Guardia di Finanza Truffe, in Italia e all’estero, per falsi investimenti finanziari: 4 arresti e sequestri di beni per 7,7 milioni

Truffe, in Italia e all’estero, per falsi investimenti finanziari: 4 arresti e sequestri di beni per 7,7 milioni

  • PDF
finanza-auto-primo-pianoBrescia, 7 dic - Oggi, i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Brescia, nell’ambito del procedimento penale instaurato presso la Procura della Repubblica di Brescia, hanno dato attuazione al provvedimento del G.I.P. che ha disposto l’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelate per 4 persone (1 in carcere e 3 agli arresti domiciliari) nonché il sequestro di beni e disponibilità finanziarie in capo agli indagati fino alla concorrenza di 7,7 milioni di Euro.

Le attività investigative hanno riguardato 16 soggetti indagati a vario titolo. Per sette indagati, in particolare, è stata riconosciuta dal G.I.P. l’associazione a delinquere transnazionale finalizzata alla truffa, riciclaggio, abusivismo finanziario e raccolta abusiva del credito.

Le indagini, svolte sotto la continua direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brescia e in collaborazione con le autorità giudiziarie di Lugano e della Repubblica di San Marino, a seguito di mirati accertamenti bancari e perquisizioni, hanno permesso di delineare l'esistenza in Italia di un sodalizio criminale che ha provveduto a raccogliere complessivamente circa 7,6 milioni di euro da cittadini italiani, residenti sia in Italia che a Dubai (E.A.U.), prospettando falsi investimenti finanziari, asseritamente più remunerativi di quelli comunemente praticati dagli investitori istituzionali ma che celavano, in realtà, vere e proprie truffe.

Più nel dettaglio, l’associazione era composta da 7 persone e strutturata su due livelli, ovvero un primo livello “dirigenziale” e un secondo livello “operativo”.

Il primo livello vedeva come “promotori e coordinatori” un avvocato e un promotore finanziario (S.O. di anni 50 e A.M. di anni 47), entrambi bresciani. Questi ultimi hanno posto in essere il “sistema” fraudolento tra l'Italia e Dubai operando illecitamente una raccolta del risparmio in regime di abusivismo finanziario, tramite una società di diritto inglese, con sede formale a Londra ma di fatto operativa a Brescia, nonché utilizzando artatamente la denominazione di altre due società realmente esistenti, ma non consapevoli dell'attività criminosa in argomento.

La “raccolta” delle disponibilità finanziarie, svolta tra il 2009 e il 2012 nei confronti di 162 risparmiatori e ammontante a circa 7,6 milioni di euro (di cui circa 5,5 milioni di Euro non restituiti), è stata effettuata principalmente tramite la struttura e i conti correnti dello studio legale di Brescia (con uffici anche a Dubai), nonché utilizzando i conti di altre due società fittiziamente intestate alla moglie del legale (M.B. di anni 51), di fatto amministrate dallo stesso.

Il secondo livello, ovvero quello operativo, era composto da ulteriori 5 cittadini italiani (di cui 3 regolarmente iscritti all’albo dei promotori finanziari e 1 residente a Dubai non iscritto all’albo), che avevano il compito di proporre i falsi contratti d’investimento ai propri clienti principalmente distribuiti tra le province di Brescia, Modena, Ferrara e, appunto, Dubai (E.A.U). I clienti, ricevendo dallo studio legale le cedole indicative di ottimi interessi per il capitale corrisposto, confidando nella bontà dell’investimento, procedevano nella maggior parte dei casi ad ulteriori corresponsioni di denaro, alimentando così la truffa in atto.

Ai clienti veniva, inoltre, riferito che per investimenti con taglio minimo di 50.000 euro, il capitale corrisposto sarebbe stato garantito da una polizza assicurativa che in realtà è risultata essere la classica assicurazione per responsabilità civile e che pertanto non avrebbe coperto in caso di perdite finanziarie.

La ricostruzione dei flussi finanziari e delle azioni poste in essere dagli indagati ha consentito di individuare la responsabilità di altri tre soggetti, identificabili nelle mogli dei due promotori e di uno degli associati (A.A. di anni 40 e M.B. di anni 51 entrambe bresciane e A.N. di anni 38 di nazionalità albanese) che avevano lo specifico compito di riciclare il denaro proveniente dalle truffe attraverso conti correnti sanmarinesi “distribuendo” poi il “maltolto” tra i membri del sodalizio con percentuali diverse a seconda del ruolo svolto.

Le Fiamme Gialle, al fine di recuperare le ricchezze illecitamente sottratte agli investitori truffati, dopo aver individuato le disponibilità finanziarie e patrimoniali intestate e/o riconducibili agli indagati hanno proceduto ad eseguire il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente fino a concorrenza del profitto del reato pari a circa 7,7 milioni di Euro. Più nel dettaglio, sono stati sottoposti a sequestro n. 8 unità immobiliari, n. 24 terreni, n. 11 automobili/motocicli (tra cui una JAGUAR XKR 4.0) e quote sociali per un valore nominale di circa € 201.000. È stata inoltre eseguita la notifica del decreto di sequestro anche nei confronti di n. 26 istituti bancari, ove risultano accesi conti correnti riferibili agli indagati.



Loading...

News aggiornate

occhi
Occhi puntati sulla notizia

Top Web Site

soldato-computer
Sito web di riferimento per il comparto

Forum

professionisti
Professionisti a tua disposizione gratis

Smartphone

smartphone
Portale ottimizzato per gli smartphone
Per le pagine di menu: