Lun24042017

Ultimo aggiornamento06:25:22

Forum bar

Forum

Logo-Carabinieri Carabinieri Polizia Finanza Penitenziaria
Esercito Marina Aeronautica Guardia Costiera
Back L'OPINIONE L'OPINIONE Militari e legge sulle unioni civili: tra preoccupazioni e curiosità

Militari e legge sulle unioni civili: tra preoccupazioni e curiosità

  • PDF
Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 
bacio-militariRoma, 24 feb - (di Antonello Ciavarelli) La cosiddetta legge sulle Unioni Civili, così discussa in questi giorni, non lascia insensibile il personale delle Forze Armate sia come cittadini che come militari.

Ci sono tanti che, come il sottoscritto, hanno una visione umano/cristiana della vita militare e vedono con certa preoccupazione tale approvazione anche sotto un aspetto religioso. Ma in generale vi è perplessità sotto l’aspetto culturale. Infatti il valore sociale della famiglia naturale fondata sul matrimonio è così profondo nella cultura italiana che i Padri della Costituzione non avrebbero altrimenti riservato a riguardo più di un articolo della nostra bella Costituzione.

Inoltre, storicamente la famiglia è un riferimento per il bene del mondo militare. Tanta è l’attenzione degli Stati Maggiori e delle Rappresentanze militari a riguardo attraverso circolari, pubblicazioni e delibere. Basti pensare quanto può essere importante la Protezione Sociale quando un militare è in missione lontano da casa. Sia quest’ultimo che la famiglia hanno bisogno di serenità, e la condizione morale incide fortemente sulla motivazione per un servizio alla Nazione.

Ciò non di meno e forte della mia pluriennale esperienza di delegato del Co.Ce.R. posso dire che vi sono senza dubbio attenzione al tema, mancanza di preconcetti ed una serie di curiosità sui riflessi che tale legge potrà avere sul personale militare.

Intanto il disegno di legge in questione parla di "Unioni civili tra persone maggiorenni dello stesso sesso" . Non si parla di gay. Inoltre tra le cause impeditive per la costituzione dell’Unione Civile non vi è quella relativa al rivestire lo status di militare.

Quindi cosa ne potrebbe conseguire? Di seguito una serie di esempi.

Due amici Marescialli entrambi di Taranto uno lì destinato e l’altro a La Spezia, decidono di "unirsi civilmente". Quello di La Spezia chiede il ricongiungimento familiare nella sede di Taranto. Lo potrà fare? E con che modalità a fronte delle problematiche che già oggi hanno coloro che appartengono ad una famiglia naturale fondata sul matrimonio?

Un altro esempio: un militare donna ha una amica "ragazza madre". Dispiaciuta di tale situazione va a convivere con l’amica. Diventerà il "Mammo" del figlio dell’amica? Questa "amica" dovrebbe poi di conseguenza avere tutti i diritti di Protezione sociale delle mogli o mariti dei militari, alloggi di servizio compresi?

Si potrà usufruire dei benefici della legge 104, se un militare è unito con una persona dello stesso sesso bisognoso di cure?

Sempre nel disegno di legge in questione si parla di obblighi di assistenza morale, materiale e alla coabitazione. Ma anche all’obbligo di fedeltà. Due persone possono essere comunque fedeli a sentimenti di amicizia? Se due "Marinai" dello stesso sesso sono Uniti civilmente ed uno dei due dopo 20 giorni di navigazione, arrivato in porto ha una relazione sessuale o una storia sentimentale con una donna del luogo, manca di fedeltà? E a cosa?

Questi e tanti altri problemi, anche apparentemente banali, potrebbero essere chiariti nei decreti "applicativi". Ma tra le Istituzioni che devono proporre tali decreti c’è il Presidente del Consiglio, il Ministro della Giustizia, dell’Interno, il Ministro per le riforme costituzionali e per i rapporti con il Parlamento e il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali. Il Ministro della Difesa dov’è?

In conclusione se, questi cosiddetti diritti, nel corso degli anni non sono stati riconosciuti è perché nessuno sapeva scrivere ciò che ha scritto la Senatrice Cirinnà? Oppure perché sulla società ci possono essere delle ripercussioni?

Le situazioni delicatissime in cui ci si può trovare in un mondo lavorativo al limite come quello militare ne è un esempio.

Una cosa è certa, qualora il disegno di legge Cirinnà dovesse essere approvato, i militari e le rappresentanze militari vorranno essere partecipi di eventuali applicazioni che riguardano la propria vita. Un fatto è oggettivo indipendentemente da come andranno le cose, fino ad oggi il valore della famiglia naturale fondata sul matrimonio, quale impegno sociale nei confronti del coniuge e della società, è stata per la vita dei militari punto di stabilità e riferimento morale.


News aggiornate

occhi
Occhi puntati sulla notizia

Top Web Site

soldato-computer
Sito web di riferimento per il comparto

Forum

professionisti
Professionisti a tua disposizione gratis

Smartphone

smartphone
Portale ottimizzato per gli smartphone
Per le pagine di menu: